FANDOM


Dragonero logo

Il logo ufficiale della serie

Dragonero è una serie a fumetti di genere fantasy pubblicata da Sergio Bonelli Editore a partire dal Giugno del 2013. È stata creata dalla coppia di autori Luca Enoch e Stefano Vietti e dal disegnatore Giuseppe Matteoni, già creatori dell'omonimo volume della collana Romanzi a fumetti Bonelli uscito nel giugno 2007, da cui la serie trae le sue origini.

Il progetto Dragonero fin dall'inizio è stato proposto al pubblico attraverso l'interessamento di diversi media, quindi non limitato all'ambito del solo fumetto. Insieme alla serie è stato lanciato un Gioco di Ruolo[1], pubblicato da Wyrd Edizioni, ed è stato pubblicato da Mondadori un romanzo in prosa per libreria, scritto da uno degli autori della serie e ambientato nello stesso mondo e con gli stessi personaggi. Inoltre è stata resa disponibile un app per iPad e aperta una pagina facebook ufficiale, tra le prime in assoluto tra quelle gestite direttamente dalla Bonelli e dedicate a uno dei suoi personaggi[2].

Dragonero ha riscosso un discreto successo presso i lettori, pertanto con il passare del tempo il progetto si è espanso arricchendosi di nuove serie a fumetti, collaterali alla serie regolari, un magazine e la prosecuzione dell'iniziativa editoriale dei romanzi per le librerie.

Storia editoriale Modifica

Primo Giornale Bonelli 2006

La prima comparsa in assoluto di Dragonero, sul Giornale Bonelli allegato agli albi del Gennaio 2006.

Il progetto di una serie ad ambientazione fantasy era in lavorazione da molto tempo, da parte di Luca Enoch e Stefano Vietti. La prima idea di Dragonero venne messa a punto nel 1996, ma i due autori non la svilupparono per i sopraggiunti impegni lavorativi, tra i quali soprattutto Gea per Enoch e Nathan Never per Vietti. Negli anni successivi essa comunque non fu accantonata, e nel tempo i due autori riuscirono a scrivere e organizzare a riguardo un dossier molto corposo e dettagliato. Solo nel 2007 quelle che finora erano state solo idee e progetti si concretizzarono nella prima avventura di Dragonero, raccontata nel primo numero della serie Romanzi a fumetti della Sergio Bonelli Editore e intitolata semplicemente "Dragonero"[3]. Il genere fantasy, nonostante abbia fatto sentire la sua influenza più e più volte e in varie forme nelle diverse serie Bonelli, non era mai stato affrontato dalla casa editrice nella sua forma più "pura", in questo senso il romanzo di Dragonero rappresentava una forma di sperimentazione, sia dal punto di vista della materia narrata, che del formato, non affatto congeniale all'editore. Il primo romanzo rappresentò in ogni caso una scommessa vinta, le vendite furono più che buone e le critiche molto positive.

Stefano vietti

Stefano Vietti

Negli anni successivi alta fu la richiesta, da parte degli appassionati, di un seguito delle avventure di Ian e compagni. Fu solo nel febbraio del 2009 che Stefano Vietti annunciò che erano iniziati i preparativi per un secondo romanzo a fumetti di Dragonero, ad opera degli stessi autori del primo[4]. Gli autori tuttavia non si rassegnarono, e riproposero il progetto in veste seriale, un progetto ormai divenuto enorme, il quale venne approvato. Nell'ottobre del 2010 venne così diffusa la notizia che il seguito non sarebbe stato un singolo albo, ma una serie mensile prevista per il 2012 i cui primi tre numeri sarebbero stati la divisione del singolo albo precedentemente annunciato[5]. In seguito Luca Enoch chiarì che non sarebbe stata una miniserie di pochi numeri ma una intera serie regolare di lunghezza indefinita, con Giuseppe Matteoni come disegnatore ufficiale[6].

La lista completa dei disegnatori fu annunciata ad ottobre 2011: a Giuseppe Matteoni, disegnatore ufficiale della serie, si aggiunsero Gianluigi Gregorini, Giancarlo Olivares, Gianluca Pagliarani, Cristiano Cucina, Alfio Buscaglia, Francesco Rizzato, Antonella Platano, Giuseppe De Luca e Andrea Bormida[7]. A maggio 2012 fu inaugurato il blog ufficiale di Dragonero, scritto sotto forma di diario di viaggio del protagonista, sul quale vennero pubblicati disegni e racconti dalla futura serie (ma che è tuttora attivo)[8]. Il 3 novembre 2012, a Lucca Comics & Games fu annunciato che l'uscita della serie, di periodicità mensile, era prevista per giugno 2013[9], successivamente la casa editrice annunciò ufficialmente che il primo numero della serie sarebbe uscito l'11 giugno 2013[10].
Luca Enoch

Luca Enoch

Come parte della campagna promozionale, vennero prodotte 40.000 copie del "Numero zero" della serie, edito in collaborazione con la Multiplayer.it Edizioni. Il numero zero venne distribuito durante il Salone Internazionale del Libro svoltosi tra il 16 e il 20 maggio 2013, allegato gratuitamente alle spedizioni di prodotti acquistati tramite il portale di multiplayer.it e reso disponibile gratuitamente presso i punti vendita Gamestop[11]. Il 17 maggio 2013 è stato pubblicato online il trailer[12].

Il primo numero della serie è stato pubblicato l'11 giugno 2013. Il fumetto ha riscosso un discreto successo di vendite, più che sufficienti a garantire la prosecuzione della testata.

Nel novembre 2013 è stato pubblicato il Gioco di Ruolo ufficiale di Dragonero (Dragonero GdR) da Wyrd Edizioni su licenza della Sergio Bonelli Editore[13].

Il 31 luglio 2014 è iniziata la pubblicazione degli albi fuori serie di Dragonero, con l'uscita in edicola del primo Speciale[2].

Il 7 ottobre 2014 è stato pubblicato da Mondadori Editore il primo Romanzo in prosa di Dragonero.
Giuseppe Matteoni

Giuseppe Matteoni

Nel Marzo 2015 è stato annunciato che la collana dei Magazine Bonelli (ex Almanacchi) ospiterà un numero dedicato al genere fantasy, con protagonista Dragonero. L'albo si intitolerà Dragonero Magazine e conterrà una storia inedita (divisa in 4 parti) e articoli dedicati al mondo del fantasy[14].

Il 15 Ottobre 2015, dopo mesi di anteprime, è stata annunciata ufficialmente la riedizione del primo Romanzo a fumetti, dal titolo "Dragonero: Le Origini". La ristampa si è concretizzata in un volume di prestigio, interamente a colori su carta patinata, di grande formato, disponibile nelle librerie e ordinabile nel sito della casa editrice a partire dal 12 Novembre 2015, comunque disponibile alla vendità già a Lucca 2015 (fine Ottobre)[15]. Il successo del volume ha spinto alla pubblicazione, negli anni successivi e a cadenza annuale, di ristampe delle storie più acclamate della serie regolare nello medesimo grande formato[16].

Il 26 maggio 2016 una versione "animata" del personaggio di Dragonero Gmor Burpen è stata il protagonista della quinta puntata della serie televisiva "The Editor is In", in onda su Sky Arte HD[17].

In futuro sono previste una nuova serie a fumetti a colori rivolta a un pubblico più giovane (11-15 anni circa) per ora chiamata genericamente Dragonero Young[18], una serie a cartoni animati prodotta in collaborazione con Rai Fiction, il cui sviluppo è al momento in fase embrionale[18] e due nuove serie a fumetti, che dovrebbero essere ambientate all'epoca delle Guerre di unificazione e durante l'epoca dei Varliedarto.

Note Modifica

  1. Sito Sergio Bonelli Editore: Dragonero diventa un gioco di ruolo.
  2. 2,0 2,1 Dragonero, sempre più...speciale!, sergiobonelli.it.
  3. Nathan Never Forum.
  4. Comixfactory: Dragonero volume 2.
  5. Lo spazio bianco: Svelato il seguito di Dragonero
  6. Lo spazio bianco: Con Luca Enoch: Dragonero, Bonelli ritorna al fumetto seriale.
  7. Comixfactory: Bonelli, svelati i nomi dei disegnatori di Dragonero.
  8. Diario di viaggio: Questo è uno schizzo della mia casa.
  9. Comicus: Lucca '12: Il Dragonero di Bonelli.
  10. Fantasymagazine: Dragonero.
  11. Multiplayer.it: Multiplayer.it Edizioni e Sergio Bonelli Editore pubblicano il numero 0 di Dragonero.
  12. Youtube.
  13. Annuncio SBE.
  14. Mangaforever: Magazine Bonelli, dal 2015 anche Dragonero.
  15. Sito SBE: Dragonero - Le origini
  16. Preview numeri 9-10
  17. The Editor is In: Ep. 5.
  18. 18,0 18,1 Keynote Bonelli Lucca 2015.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.