FANDOM


Dragonero Speciale 2 - Avventura a Darkwood
Dragonero cover speciale2
Pubblicato
28 Luglio 2015
Soggetto e Sceneggiatura
Disegni
Colori
Luca Dell'Annunziata (GFB Comics)
Copertina
Preceduto da
Seguito da

Dragonero Speciale 2 - Avventura a Darkwood è il secondo albo speciale della serie a fumetti di Dragonero prodotta dalla Sergio Bonelli Editore. È stato pubblicato per la prima volta il 28 Luglio del 2015.

Il soggetto e la sceneggiatura sono stati scritti dall'autore Stefano Vietti, i disegni sono di Walter Venturi, i colori sono di Luca Dell'Annunziata di GFB Comics, mentre la copertina è disegnata da Michele Rubini.

Gli albi speciali di Dragonero vengono pubblicati con cadenza annuale e contengono storie slegate dalla continuity principale, di solito vengono approfonditi aspetti secondari ma interessanti della caratterizzazione dei protagonisti, o narrate avventure "particolari" che difficilmente troverebbero spazio in altre occasioni. Il secondo speciale è un "team-up" (il primo realizzato nella serie), cioè una storia a cui partecipano personaggi appartenenti a differenti avventure narrative, nello specifico abbiamo Ian, che è il protagonista principale della serie fantasy di Dragonero, e Zagor, storica icona della Bonelli, protagonista a sua volta di un'altra serie dalla storia decennale.

Trama Modifica

Ian, Myrva e Gmor sono all'inseguimento di un tecnocrate rinnegato, Oram Thais, di cui riescono a localizzare il covo presso le rovine di un presidio imperiale, ai confini delle Paludi Malgha. Una volta all'interno, dopo aver ucciso i Ghoul posti di guardia, trovano una stanza misteriosa, in cui si trova un’antica Pietra sonora incastonata all’interno di uno strano marchingegno. Myrva comprende subito che Oram è riuscito a capire come sfruttare il potere delle Pietre, che è quello di consentire a chiunque spostamenti istantanei nel tempo e nello spazio, e che quindi l’unico modo per scovarlo è usare la pietra stessa, dovunque essa conduca. Non restando altro da fare, Ian e Gmor attraversano il portale, mentre Myrva con un astore messaggero avverte i soldati imperiali di Ryga, una città nelle vicinanze, di accorrere subito come rinforzo. Ian e Gmor, con una certa sorpresa, scoprono che la Pietra sonora non solo consente spostamenti nello spazio, ma anche tra mondi diversi, come appurano osservando la presenza di una sola luna e non di due. Per la precisione si trovano a Darkwood, una grande foresta facente parte di un pianeta che non è il loro. Subito incontrano il protettore di quei luoghi, Zagor, con il suo amico Cico, accorso nella loro zona in quanto incuriosito dalla luce del portale. Dopo qualche iniziale incomprensione, Ian e Zagor capiscono che i loro obiettivi sono comuni, e si alleano nella ricerca di Oram Thais, che è infatti una minaccia anche per Darkwood, poiché i suoi Ghoul si sono resi colpevole di diversi delitti.

Dragonero zagor

In breve tempo, Ian e Zagor trovano il nascondiglio di Oram. Il tecnocrate si è rifugiato in una catena montuosa verso l’interno di Darkwood, dove ha eseguito i suoi loschi piani, scavando miniere e costruendo fonderie. I due eroi riescono a penetrare in una di queste miniere dove trovano l’inaspettato: in diversi anni, Oram ha costruito segretamente una macchina infernale in grado di distruggere il legame mistico tra la Natura e i popoli che abitano il mondo di Dragonero, se ciò accadesse verrebbe meno la capacità dei Luresindi di utilizzare la magia e verrebbero anche modificate le qualità intrinseche di alcune razze. Lo scopo finale è quello di far ottenere ai Tecnocrati il dominio sociale e politico completo, azzerando quello dei maghi e rendendo nulla l'influenza della magia nel mondo, per realizzare quindi una folle idea di “uguaglianza” con l’appiattimento delle diversità tra le razze. Tutto questo viene rivelato a Ian e Zagor da Oram stesso, in procinto di catturare i due eroi, ma giunge l’intervento provvidenziale di Gmor, che colpisce a sorpresa la macchina. Il colpo non riesce a distruggerla ma al contrario la attiva: tutti vengono trasportati nell’Erondàr e il processo di distruzione del legame mistico inizia. Ian e Zagor però non sono soli, prontamente giunge Myrva con la cavalleria di Ryga e insieme riescono a contrastare Oram e i suoi scagnozzi. Ian con l’aiuto dello “Spirito con la scure” riesce a distruggere la fonte di energia della macchina, così facendo interrompe il processo in atto, ma crea un portale che conduce verso il nulla e verso cui viene risucchiato. Nella concitazione del momento, Ian riesce finalmente a uccidere Oram Thais e viene tratto in salvo da Zagor, appena in tempo.

Il piano del tecnocrate è sventato, ognuno ritorna nel proprio luoghi di origine, certi della nascita di una solida amicizia perché, come cantano gli Scout, il passo può essere diverso, ma uguale è il cuore[1].

Personaggi Modifica

  • Ian Aranill
  • Gmor Burpen
  • Myrva Aranille
  • Zagor, lo "Spirito con la scure", Protettore della Foresta di Darkwood. Prima apparizione
  • Cico, fedele amico di Zagor. Prima apparizione
  • Oram Thais, tecnocrate rinnegato, autore di un piano diabolico.
  • Alben (in flashback)
  • Sergente imperiale di Ryga.
  • Okrav, agente al servizio di Oram Thais.

Luoghi Modifica

  • Margondàr del Nord
    • Confini esterni delle Paludi di Malgha
      • Rifugio sul lago
      • Rovine di un presidio imperiale
      • Altopiano sovrastante le paludi
    • Trenta miglia a Nord-Est della Paludi di Malgha
      • Ryga, cittadella imperiale fortificata
  • Solian, Casa di Ian
  • Mondo di Zagor, approssimativamente gli Stati Uniti della Terra all’inizio del XIX secolo, Foresta di Darkwood.
    • Catena montuosa nella zona più interna
      • Fonderie segrete di Oram Thais
      • Miniera, covo di Oram Thais e nascondiglio della Torre di Oram Thais
    • Casa di Zagor
  • Suprelùrendàr, Osservatorio Celeste (in flashback)

Curiosità Modifica

  • La copertina dell'albo è la prima copertina di un albo bonelli con protagonista Zagor non disegnata da Gallieno Ferri. Il copertinista è infatti Michele Rubini[2].
  • Come ricorda Cico nel corso della storia, Zagor e Cico hanno già incontrato altri orchi in passato, precisamente nel corso dell'avventura "Il castello nel cielo" pubblicata sul primo Zagor Albo Gigante del maggio 2011[3].
  • Per un errore nella colorazione, Myrva cambia colore degli occhi, che inizialmente sono azzurri, mentre da pagina 28 sono castani.
  • A pagina 107 c’è un vero e proprio “Arrivo della cavalleria”, elemento narrativo più proprio del genere “western” che del genere “fantasy”, è quindi un particolare curioso che richiama indirettamente Zagor, non evidente a prima vista.
  • Il sergente di Ryga ha le fattezze di Kerry King, chitarrista e fondatore del gruppo thrash metal Slayer.
    Kerry king-0
  • Oram Thais, il tecnocrate rinnegato, ha un aspetto che riprende quello di Mutakaruba, il cantante/poeta giamaicano.
    Mutabaruka

Note Modifica

  1. Dragonero Speciale 2, Avventura a Darkwood, Sergio Bonelli Editore.
  2. SbamComics: Il team-up tra Dragonero e Zagor
  3. Blog Moreno Burattini: Freddo cane in questa palude.

Albi Fuori serie di Dragonero

Romanzo a fumetti Dragonero Romanzo a fumetti
Speciale Dragonero 1. La prima missione - 2. Avventura a Darkwood - 3. Il globo delle anime
Dragonero Magazine Dragonero Magazine 2015 - Dragonero Magazine 2016
Albi promozionali Numero 0 - CdT 2016

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale