FANDOM


Frondascura

Frondascura, “Rômelinwe” in Lingua antica, è un’immensa città abitata dagli Elfi Silvani, nascosta nelle zone più interne della Foresta Vecchia. La sua localizzazione esatta è sconosciuta, poiché gli Elfi Silvani agiscono in maniera tale che nessuno possa trovare la città, se non vi è condotto direttamente da un suo abitante. Gli edifici di legno che la compongono, costruiti sugli alberi, non sono osservabili né dal cielo, né dal suolo. La città non lascia nemmeno tracce, nessun rifiuto viene gettato a terra e nessun pennacchio di fumo si eleva attraverso gli alberi. Frondascura è quindi una città segreta e nascosta, introvabile dagli Umani e dagli Orchi, patria e rifugio di migliaia di Elfi Silvani. La città è governata da un consiglio degli anziani e protetta da una milizia cittadina, costituita da elfi armati soprattutto di balestre e cerbottane. La migliore protezione è garantita però dalla foresta stessa, grazie ai pericoli che cela.

Gli Elfi Silvani nascono e crescono a Frondascura, maturando un timore misto a disprezzo per il mondo esterno. Gli stranieri sono accusati di non rispettare la Natura, quindi di essere creature incivili e vengono chiamati Aegarwi, “malaticci” in Lingua antica. Gli elfi che hanno abbandonano la città e si sono adattati a vivere all’esterno della foresta sono chiamati Abèii, cioè “coloro che partirono” in Lingua antica. Gli Abèii sono considerati Elfi perduti, sia che abbiano abbandonato Frondascura per propria volontà, sia che abbiano dovuto farlo per qualche missione, non possono più tornare indietro e sono da ritenersi esiliati.

I minimi contatti che gli Elfi Silvani accettano con gli Umani che abitano le zone più esterne della foresta, sono mediati dagli Uomini Verdi, o Viridevirĕ, Mezzelfi che svolgono la funzione di sciamani e che abitano e proteggono la Foresta Vecchia[1].

Sera di Frondascura è originaria proprio di Frondascura. Ha dovuto lasciare la sua città per aiutare Ian Aranill nella missione contro Saul Jeranas, pur sapendo di non poterci più tornare[2].

Note Modifica

  1. Dragonero 22, L'uomo delle foreste, Sergio Bonelli Editore.
  2. Dragonero, Romanzo a fumetti (Giugno 2007), Sergio Bonelli Editore.

I Luoghi di Dragonero

Regni e Domini

Enclave dei Grandi Laghi - Enclave della Montagna - Erondàr - Federazione delle Città libere - Principato di Samyria - Regno di Aergyll - Regno di Lehorian - Regno di Raghnar

Città

Città dei Morti - Frondascura - Grande Vallo - Roccabruna - Skarkhel - Solian - Vàhlendàrt - Vetwadàrt

Località

Cintura delle Tempeste Perenni - Foresta Vecchia - Il Burlone - Lame Erranti - Piana delle Ossa - Popolo delle Rupi - Rathûn-Kun - Tana del gigante - Tectuendàrt - Varliendàr - Vhâcondàr - Valle delle teste

Isole e mari

Arcipelago di Milliailhe - Awrasùhre - Isola degli Orchi - Isola Orfana - Isole volanti

Luoghi speciali

Casa di Ian Aranill - Cimitero Elfico - Il Cinghiale Basito - Vetusmea - Viturmanse

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.