FANDOM


Ghoul ink.jpg

I Ghoul sono una razza particolarmente diffusa nelle foreste centrali dell'Impero, dove tendono ad abitare le zone pedemontane. Si ritiene che la loro origine derivi dall'incrocio tra la razza umana e quella elfica, tuttavia i Ghoul non manifestano né l'ingegno degli Umani né l'armonia di pensiero tipica degli Elfi. Sono organizzati in tribù, spesso in lotta tra loro, sono stanziali e vivono soprattutto della caccia. Non hanno sviluppato alcuna abilità in nessuna arte, per questa ragione hanno l'abitudine di rubare alle altre razze tutto quello che non riescono a costruire. Presentano una religione basata sulla venerazione della Terra, considerata come una madre e anche come un vero e proprio essere vivente, che non va mai ferito e che elargisce doni, tra i quali i più apprezzati sono le pietre preziose. La loro lingua ha un tono secco ed è composta da parole brevi e dure, curiosamente non presenta vocaboli che esprimono sentimenti.

I Ghoul sono abili guerrieri e feroci combattenti. Le loro abilità di combattimento migliorano durante la notte e nel loro ambiente naturale, cioè le foreste. Sono in grado di adattarsi rapidamente a situazioni ostili grazie al loro istinto di sopravvivenza. Dispongono di un olfatto animale e di sensi sviluppati, grazie ai quali sono estremamente abili nel trovare delle tracce e inseguire delle prede. In determinate condizioni e solo grazie all'aiuto di un loro sciamano, possono addomesticare un Trollghest e utilizzarlo in battaglia[1].

Normalmente, nelle tribù, le femmine rimangono sempre a presidiare i villaggi mentre i maschi sono a caccia o impegnati in guerra, possono comunque imbracciare le armi in casi di estrema necessità. Tra i Ghoul reietti, cioè i Ghoul cacciati dalle loro tribù e riunitesi in bande, invece, è molto frequente la partecipazione delle femmine alla caccia e alle battaglie.

Tra i Ghoul reietti piuttosto noto è Roogha, responsabile del rapimento di Sophia Devin, figlia del tesoriere della Gilda dei Mercanti Mose Devin. Roogha aveva intenzione di riunire intorno a sé un grande numero di Ghoul, anche grazie ai soldi del riscatto della figlia del tesoriere, quindi costruire un esercito e poi un regno. Tuttavia l'intervento di Ian Aranill e della cavalleria candaryana, guidata dal generale Cogan, determinò la sua morte e il salvataggio di Sophia[1][2].

Note Modifica

  1. 1,0 1,1 Dragonero 18, Nelle terre dei ghoul, Sergio Bonelli Editore.
  2. Dragonero 19, Nessuna pietà umana, Sergio Bonelli Editore.

Razze, Animali, Creature magiche e Piante di Dragonero

Razze

Algenti - Coboldi - Draghi - Draughen - Elfi - Ghoul - Ghoulin - Giganti - Mezzelfi - Nani - Orchi - Troll - Ubiqui - Umani

Animali

Ali artigliate - Astore messaggero - Basilisco vermiglio - Blatta purpurea - Camelon - Cresta rossa - Diavoli della notte - Fargh - Hirkush - Kamtedara - Leocanide - Lepre maculata - Lince di foresta - Mastino da guerra - Melhelle - Parrocchetto testanera - Ragno verde della giungla - Rhii - Rhoyiik - Sauri addestrati - Smaerdjass - Tigre di mare - Vermi della sabbia - Verrocanide - Viverna

Animali rari

Coriaceo - Drago d'acqua - Grande Thruda - Kraken - Kraal - Trollghest - Virēsilvhe - Wyrm

Creature magiche

Abominii - Cadavere posseduto - Demone di tenebra - Demoni alati - Demoni dell'Inframondo - Dhevata - Draghi - Driade - Ekimmu - Elfi Spettri - Esploratori di tenebra - Famigli - Feticcio - Guardiani dei boschi - Jiann delle sabbie - Mannari - Non morti - Ondine - Principe degli Abominii - Ritornanti - Ruda Mama - Servitori

Piante

Aconito stellato - Albero che sazia - Cocozza Colossa - Damiana - Elawyn - Eshintya - Fedia - Flanya - Foglia Rapida - Fungo luminoso - Onyr - Sakae-Ki - Salvatore dei naufraghi - Saphis - Strangolatrice

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale