FANDOM


Tecnocrati

La Gilda dei tecnocrati è una corporazione derivata dalla scissione della Confraternita degli Incanti, in cui si ebbe anche la formazione dell'Ordine dei Luresindi e dei Cenobiti Jikima. La sede della Gilda è a Tectuendàrt, un'altissima torre situata in un'isoletta dell'Awrasùhre, presso Vàhlendàrt.

I Tecnocrati sono ingegneri, inventori e scienziati. Propugnano l'avanzamento della tecnica e della tecnologia e concepiscono la Natura come al servizio dell'uomo, differenziandosi in tal modo dai Luresindi. I Tecnocrati sono i principali responsabili della rivoluzione tecnologica che sta avvenendo nell'Impero erondariano nei tempi recenti, anche grazie al notevole favore di cui godono presso la corte imperiale. Infatti, Nahim Erondàr, il Principe ereditario, sostiene l'operato dei Tecnocrati e garantisce loro libertà e fondi notevoli per le loro ricerche. Per questa ragione, i Tecnocrati sono attualmente una Gilda in espansione e sempre più potente, mentre l'Ordine dei Luresindi è in chiaro declino.

Simbolo tecnocrati

Il simbolo dei Tecnocrati.

I Tecnocrati hanno effettuato l'invenzione e la costruzione dei Nuvolanti, dei battelli a vapore, degli acquedotti (almeno a  Vàhlendàrt) e soprattutto di nuove armi, come le armi da fuoco. In base alla legge imperiale, i Tecnocrati sono gli unici, oltre alle Guardie Rosse e a corpi militari scelti, a poter utilizzare le armi da fuoco.

Tecnocrati Torre

Tectuendàrt, la torre sede dei Tecnocrati.

Tra i Tecnocrati e i Luresindi vi è una rivalità evolutasi nel tempo in franca ostilità, astio e sospetto reciproci. I Luresindi accusano i Tecnocrati che i loro studi sono pericolosi e che prima o poi causeranno un disequilibrio nella Natura. I Tecnocrati, d'altra parte, ignorano gli avvertimenti dei Luresindi, anzi agiscono per isolarli sempre di più dalla corte imperiale.

Myrva Aranille, la sorella di Ian Aranill, è una Tecnocrate.

Ian Aranill condivide in parte le preoccupazioni dei Luresindi riguardo ai Tecnocrati e si fida poco delle loro invenzioni, pur riconoscendone spesso l'utilità[1][2].

Note Modifica

  1. Dragonero 15, Intrighi a corte, Sergio Bonelli Editore.
  2. Dragonero 5, Il raduno degli scout, Sergio Bonelli Editore.

Corpi militari, Gilde e Ordini di Dragonero

Corpi militari

Cacciatori imperiali - Cavalieri Candaryani - Dragonieri imperiali - Esercito imperiale - Fanteria imperiale - Guardia cittadina - Guardia Rossa del Vallo - Guardiacaccia imperiali - Guardiani del Buio - Guardiani di sangue - Incursori imperiali - La Cura - Madri guardiane - Magistratura del mare - Magistratura forestale - Messaggeri imperiali - Pirokỳrii - Scout imperiali - Varliedarto

Gilde e Ordini

Benandanti - Bestiarii - Cenobiti Jikima - Cerusici - Chierici - Eleusi - Genii - Gilda dei Mercanti - Gilda delle Lame Nere - Impuri - Luresindi - Mappatori - Monaci Destiniani - Naturalisti imperiali - Negromanti - Ordine delle cacciatrici - Pirati - Reietti - Sindacato dei Nani minatori - Streghe - Stregoni - Tecnocrati

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale