FANDOM


Baijadan-0

La splendida Baijadan.

Il Vhâcondàr, o "Paese Vuoto", è un'estesa fascia desertica che marca il confine meridionale dell'Impero, attraversata da nomadi e dominata dalle Satrapie, perennemente in guerra tra loro per le rari fonti d'acqua e per il controllo delle vie commerciali.

I villaggi sorgono esclusivamente intorno alle oasi, gli unici luoghi ospitali, e sono molto numerosi. Le grandi città, invece, sono soltanto tre, cioè Baijadan, Elleysera e Lashure;

  • Baijadan è riconosciuta da tutte le Satrapie come la loro capitale, è situata sulla costa est ed e corrisponde a un porto commerciale di prima grandezza, che intrattiene ottimi rapporti con l'Impero[1].
  • Lasùhre è anche nota come la "Città rossa", a causa dei drappeggi rossi appesi alle finestre delle case dei nobili, su cui sono impressi gli stemmi di famiglia. Lasuhre presenta una cattiva fama nei territori controllati dall'Impero, poiché è sede di traffici illegali, contrabbando, bordelli e di un mercato degli schiavi. Difatti, a Lasuhre operano degli schiavisti, responsabili di rapimenti in diversi luoghi e del trasporto delle persone rapite proprio fino a Lasuhre, dove vengono vendute come schiavi. Le sue bische e case di piacere sono fonti di grandi ricchezze, è perciò logico che le famiglie più potenti se ne contendano spietatamente il controllo[2].
  • Elleysera sorge ai piedi della catena del Suprendàr ed è famosa per la sua industria delle armi. I suoi artigiani sono considerati insuperabili nel creare spade, daghe e alabarde, tutte eccezionalmente rifinite, decorate da pietre preziose, tanto belle da guardare quanto micidiali nel colpire.

Il Vhâcondàr è considerato una regione ideale per confinarvi i proscritti, coloro che sono stati banditi dall'Impero, i quali, per sopravvivere, uniscono le forze formando bande di predoni, che rapiscono le oasi e rapinano le carovane. Il torrido clima di questi luoghi desolati è difficile da sopportare per chi non vi è nato, coloro che vi sono stati esiliati sono perciò soliti assumere droghe ricavate dalla linfa dell'Echinos, un cactus tipico della zona, che aumentano la capacità di resistere alla sete e al caldo[3].

Note Modifica

  1. Dragonero 1, Il sangue di drago, Sergio Bonelli Editore.
  2. Dragonero 17, Il trafficante di schiave, Sergio Bonelli Editore.
  3. Dragonero 47, Bambini perduti, Sergio Bonelli Editore.

I Luoghi di Dragonero

Regni e Domini

Enclave dei Grandi Laghi - Enclave della Montagna - Erondàr - Federazione delle Città libere - Principato di Samyria - Regno di Aergyll - Regno di Lehorian - Regno di Raghnar

Città

Città dei Morti - Frondascura - Grande Vallo - Roccabruna - Skarkhel - Solian - Vàhlendàrt - Vetwadàrt

Località

Cintura delle Tempeste Perenni - Foresta Vecchia - Il Burlone - Lame Erranti - Piana delle Ossa - Popolo delle Rupi - Rathûn-Kun - Tana del gigante - Tectuendàrt - Varliendàr - Vhâcondàr - Valle delle teste

Isole e mari

Arcipelago di Milliailhe - Awrasùhre - Isola degli Orchi - Isola Orfana - Isole volanti

Luoghi speciali

Casa di Ian Aranill - Cimitero Elfico - Il Cinghiale Basito - Vetusmea - Viturmanse

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale